DA LUGLIO 2019 OBBLIGO DELLO SCONTRINO DIGITALE: ECCO LE ULTIME NOVITA’

6 Marzo 2019
|
Studio Necchio

L’agevolazione del credito d’imposta in compensazione

Circolare n. 11 del 06 marzo 2019

Dal 1° gennaio 2019 è entrata in vigore la fatturazione elettronica obbligatoria, nonché lo scambio di fatture supportato da tecnologie digitali. Per “fattura elettronica” s’intende un documento, firmato digitalmente, scambiato tra soggetti passivi IVA.

Per i soggetti, quali ad esempio i commercianti, che sono invece esonerati dall’emissione di fatture in quanto si limitano a rilasciare scontrini o ricevute fiscali, è stata prevista dal Decreto fiscale Collegato alla Legge di Bilancio 2019, l’entrata in vigore dell’obbligo dei Registratori di Cassa telematici.

Dal prossimo 1° luglio, infatti, gli esercenti con un volume di affari superiore ai 400mila euro dovranno trasmettere obbligatoriamente in via telematica i dati dei corrispettivi giornalieri. Avranno quattro mesi di tempo utile per adeguare le tecnologie al nuovo adempimento, che dal 1° gennaio 2020 interesserà l’intera platea di esercenti.

A tal riguardo lo Stato ha messo a loro disposizione un credito d’imposta.

 

  • CON CHE SCOPO? Al fine di agevolare l’acquisto o l’adattamento degli strumenti necessari per effettuare la memorizzazione e la trasmissione dei corrispettivi, ovvero l’acquisto o l’aggiornamento dei Registratori di Cassa telematici.

 

  • A QUANTO AMMONTA IL CREDITO? Il suddetto credito può coprire il 50% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 250 euro per l’acquisto di nuovi registratori e fino ad un massimo di 50 euro per l’adattamento di quelli già posseduti.

 

  • COME SI PUO’ RECUPERARE? Il contributo è concesso all’esercente come credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione attraverso il modello F24, che dovrà essere presentato tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Per consentire questa fruizione, è stato istituito il codice tributo “6899”, che dovrà essere riportato in sede di compilazione del modello F24 indicando come periodo di riferimento l’anno in cui è stata sostenuta la spesa.

 

  • QUANDO SI PUO’ RECUPERARE IL CREDITO? Il credito d’imposta sarà utilizzabile immediatamente in F24 con la prima liquidazione periodica IVA successiva al mese in cui è stata registrata la fattura relativa al costo sostenuto per l’adeguamento. Verrà riconosciuto unicamente per le spese sostenute negli anni 2019 e 2020.

 

  • COME DEVE AVVENIRE IL PAGAMENTO DEI REGISTRATORI DI CASSA TELEMATICI? Per poter accedere all’agevolazione del credito d’imposta sarà necessario che le spese per l’acquisto o eventuale adattamento dei Registratori di Cassa telematici, siano pagate con modalità tracciabili. In altre parole, sono ammessi “assegni, bancari e postali, circolari e non, vaglia cambiari e postali, nonché, a titolo esemplificativo, addebito diretto, bonifico bancario o postale, bollettino postale, carte di debito, di credito, prepagate, ovvero altri strumenti di pagamento elettronico disponibili, che consentano anche l’addebito in conto corrente”. Resta pertanto escluso il contante.

 

  • E’ POSSIBILE ACQUISTARE UN REGISTRATORE DI CASSA USATO? E’ opportuno fare alcuni chiarimenti, infatti i modelli di Registratori di cassa in corso di validità alla data 1° gennaio 2017, possono essere adattati a Registratori telematici attraverso modifiche hardware e/o software. A seguito di tali modifiche, risulteranno conformi al modello richiesto.

 

Fonte: RISOLUZIONE N.33/ E; Protocollo n. 49842/2019 Agenzia delle Entrate

Circolare n. 11 del 06 marzo 2019

 

Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi per mail
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?

Vuoi ricevere aggiornamenti normativi
e partecipare ai nostri webinar?