LO SPUNTO DEL SABATO – CONGEDO AL PAPA’: 10 GIORNI + 1

9 Aprile 2022
|
Studio Necchio

💡LO SPUNTO DEL SABATO💡

Il #padrelavoratore 👨‍🦰 dipendente ha l’obbligo di astenersi dal lavoro entro 5️⃣ mesi dalla nascita del figlio, per un periodo continuativo o frazionato di 10 giorni. Il congedo obbligatorio del padre è ➕ aggiuntivo rispetto al congedo di maternità ed è quindi fruibile contemporaneamente.
📢 Nel 2021, la Legge n. 234 ha reso strutturali e definitivi (a partire dal 2022) i 10 giorni di congedo, allineando così l’Italia 👨‍👦 alla Direttiva Europea.
Entro lo stesso periodo temporale di cinque mesi, il padre lavoratore dipendente può astenersi per un ➕1️⃣ altro giorno, ma solo previo accordo con la madre e in sua sostituzione in relazione al periodo di astensione spettante a quest’ultima. Il congedo facoltativo spetta anche nel caso in cui la madre, pur avendone diritto, non si avvale del congedo di maternità.
Il padre che ha l’intenzione di utilizzare il congedo obbligatorio o facoltativo, deve comunicare in #formascritta 📝 i giorni di assenza con un anticipo di almeno 15 giorni al datore di lavoro.
Se si tratta del congedo facoltativo, è necessaria anche una dichiarazione della madre di non fruizione del proprio congedo in tale giorno.
Durante il congedo, spetterà al padre un’indennità giornaliera a carico dell’INPS 💰 pari al 100% della retribuzione: tale trattamento risulta essere più alto rispetto a quello previsto per il congedo di maternità (80%).
L’indennità è sempre #anticipata dal datore di lavoro, e poi conguagliata ↩ come credito in uniemens, salvo si tratti di casi per cui la normativa stabilisca il pagamento diretto da parte dell’INPS.

Share on linkedin
Condividi su LinkedIn
Share on facebook
Condividi su Facebook
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on email
Condividi per mail
Share on print
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?

Vuoi ricevere aggiornamenti normativi
e partecipare ai nostri webinar?