LO SPUNTO DEL SABATO – CONTRATTI A TERMINE: CAUSALI INDIVIDUABILI DALLE PARTI FINO AL 31/12/2024

9 Marzo 2024
|
Studio Necchio

💡 LO SPUNTO DEL SABATO 💡

La legge n. 18/2024, di conversione del c.d. decreto Milleproroghe (decreto legge n. 215/2023), ha ➡️ prorogato la scadenza entro la quale le parti possono individuare la causale da apporre ad un contratto a tempo determinato di durata superiore ai 12 mesi.
Il c.d. 📃 decreto lavoro (decreto legge n. 48 /2023) aveva modificato la disciplina del contratto a termine prevista dal decreto legislativo n. 81/2015, sostituendo le causali prima previste. Pertanto, a decorrere dal 📅 5 maggio 2023 il contratto a tempo determinato che complessivamente supera la durata di 12 mesi può essere sottoscritto, rinnovato o prorogato solo in presenza delle seguenti ✏️ causali:
🔸 nei casi previsti dai contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali;
🔸 in assenza delle previsioni dei contratti collettivi, e comunque entro il 30 aprile 2024, per esigenze di natura tecnica, organizzativa o produttiva individuate dalle parti;
🔸 in sostituzione di altri lavoratori.
Il termine entro il quale era consentito alle parti di individuare in autonomia le ragioni che giustificavano 📝 l’apposizione di un termine ad un contratto di durata superiore ai 12 mesi è stato, dunque, prorogato dal 30 aprile 2024 al 📆 31 dicembre 2024.

🎓 Fonte: Legge 23 febbraio 2024, n. 18 🎓

Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi per mail
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?