LO SPUNTO DEL SABATO – CUMULABILITA’ NASPI E REDDITO DA LAVORO: AGGIORNATI I LIMITI DI REDDITO

20 Aprile 2024
|
Studio Necchio

💡 LO SPUNTO DEL SABATO 💡

L’Inps, con il 📄 messaggio n. 1414 del 09 aprile 2024, ha reso note le nuove soglie di reddito da lavoro subordinato/parasubordinato e autonomo ai fini della compatibilità con le prestazioni di disoccupazione NASpI e DIS-COLL.
Data la nuova 🚫 tax area dovuta dalla determinazione delle nuove aliquote Irpef intervenute a decorrere dal 📅 1° gennaio 2024, l’Inps ha aggiornato i limiti di reddito utili alla 💰 percezione dell’indennità di disoccupazione in caso di svolgimento di attività lavorativa durante la fruizione. Ricorda, infatti, l’Istituto che in tale ipotesi è ammesso il cumulo delle indennità NASpI e DIS-COLL a condizione che l’attività lavorativa svolta non comporti la percezione di un 💸 reddito da lavoro superiore a quello minimo escluso da imposizione fiscale.
Pertanto, alla luce delle modifiche apportate in materia di no tax area, il messaggio dell’Inps ✏️ riporta i nuovi limiti reddituali relativi agli anni 2023 e 2024 ai fini della compatibilità con le prestazioni NASpI e DIS-COLL:
🔹 Il limite di reddito annuo da lavoro dipendente/parasubordinato è pari a 💸  8.173,91 euro per l’anno 2023 (rimasto invariato rispetto al 2022);
🔹 Il limite di reddito annuo da lavoro autonomo è pari a 💸 5.500 euro per gli anni 2023 e 2024 (rimasto invariato rispetto al 2022);
🔹 Il limite di reddito annuo da lavoro dipendente/parasubordinato è pari a 💸 8.500 euro per l’anno 2024.
L’Inps ricorda, da ultimo, che con riferimento alle prestazioni di lavoro occasionale di cui al d.lgs. n. 50/2017, queste risultano compatibili e cumulabili con le prestazioni di disoccupazione NASpI e DIS-COLL nel limite di 💸 5.000 euro annui.

🎓 Fonte: Inps, messaggio n. 1414 del 09 aprile 2024 – D.lgs. n. 22/2015, articoli n. 9,10 e 15 🎓

Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi per mail
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?