LO SPUNTO DEL SABATO – ESONERO PARITA’ DI GENERE: DISPONIBILE IL MODULO DI RICHIESTA ONLINE!

6 Gennaio 2024
|
Studio Necchio

💡 LO SPUNTO DEL SABATO 💡 

L’Inps ha pubblicato il 📄 messaggio n. 4614 del 21 dicembre 2023 con il quale comunica le modalità di richiesta dell’esonero contributivo previsto a favore dei datori di lavoro privati in possesso della certificazione della parità di genere.
La legge n. 162/2021 ha previsto a favore di tali datori di lavoro un ✂️ esonero dal versamento dell’1% dei contributi previdenziali, nel 💰 limite massimo di € 50.000 annui. L’Istituto precisa che solo le certificazioni rilasciate da Organismi di certificazione accreditati ai sensi del Regolamento (CE) 765/2008 e, quindi, riportanti il marchio UNI e quello dell’Ente di accreditamento, hanno ✔️ validità ai fini del riconoscimento del beneficio.
L’Inps con il messaggio in oggetto rende noto che sul 💻 sito dell’Istituto, nella sezione denominata “Portale delle Agevolazioni”, è stato rilasciato il 📃 modulo on line “SGRAVIO PAR_GEN_2023” che consente di inviare la richiesta di accesso al beneficio contributivo da parte dei datori di lavoro che conseguono la certificazione di parità di genere entro il 31 dicembre 2023.
La domanda dovrà essere presentata entro il 📅 30 aprile 2024 e dovrà contenere le ✏️ informazioni relative:
🔹 ai dati identificativi del datore di lavoro;
🔹 alla retribuzione media mensile globale stimata relativa al periodo di validità della certificazione di parità di genere;
🔹 all’aliquota datoriale media stimata relativa al periodo di validità della certificazione della parità di genere;
🔹 alla forza aziendale media stimata relativa al periodo di validità della certificazione di parità di genere;
🔹 al periodo di validità della certificazione della parità di genere e la data di rilascio della stessa;
🔹 la dichiarazione sostitutiva ex d.p.r. 445/2000 relativa al possesso della certificazione di parità di genere.

🎓 Fonte: Inps, messaggio n. 4614 del 21 dicembre 2023 – Legge n. 162/2021, articolo 5 🎓 

Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi per mail
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?