LO SPUNTO DEL SABATO – I PERMESSI per STUDIO ed ESAMI

14 Marzo 2022
|
Studio Necchio

?LO SPUNTO DEL SABATO?

I lavoratori #studenti ?, iscritti e frequentanti corsi di studio, hanno diritto a fruire di permessi giornalieri.
Si distingue il:
? permesso per esame: permessi giornalieri retribuiti spettanti per legge in occasione di un esame;
? permesso per diritto allo studio: spesso il CCNL applicato prevede la concessione di un determinato numero di ore retribuite o non, da usufruire in un certo arco temporale.
? I permessi predetti possano essere fruiti limitatamente ai periodi di attività lavorativa.
In particolare, i lavoratori studenti hanno diritto anche ad essere inseriti in turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione degli esami.
Altra possibilità per i lavoratori studenti è di richiedere il #congedoperlaformazione, con anzianità di servizio di almeno 5️⃣ anni presso la stessa azienda, per completare il percorso di studi ?. Deve essere richiesto con un ? preavviso di almeno 30 giorni e comporterà la sospensione del rapporto di lavoro per un periodo non superiore a 11 mesi, continuativo o frazionato, nell’arco dell’intera vita lavorativa. Solo per comprovate esigenze organizzative, il datore di lavoro può non accogliere o differire l’utilizzo.
Il datore di lavoro ha diritto di chiedere al lavoratore la certificazione:
? dell’iscrizione e della regolare frequenza dei corsi;
? da cui risulti la presenza all’esame (non l’eventuale esito positivo) rilasciata normalmente dalla commissione d’esame.
La retribuzione ? a carico del datore di lavoro corrisposta durante i permessi studio concorre sia ai fini fiscali sia previdenziali.

Share on linkedin
Condividi su LinkedIn
Share on facebook
Condividi su Facebook
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on email
Condividi per mail
Share on print
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?

Vuoi ricevere aggiornamenti normativi
e partecipare ai nostri webinar?