LO SPUNTO DEL SABATO – INDENNITA’ PER CONGEDO STRAORDINARIO: SI COMPUTANO LE MENSILITA’ AGGIUNTIVE

13 Gennaio 2024
|
Studio Necchio

💡 LO SPUNTO DEL SABATO 💡 

L’Inps ha pubblicato il 📄 messaggio n. 30 del 04 gennaio 2024, con il quale fornisce una serie di chiarimenti in merito al computo della tredicesima e quattordicesima mensilità nel calcolo dell’indennità riconosciuta ai soggetti che richiedano la fruizione del congedo straordinario di cui all’art. 42 del d.lgs. n. 151/2001.
Nello specifico, la norma in questione prevede che il richiedente ha diritto alla corresponsione di una 💰 indennità durante tutto il periodo di congedo, corrispondente alla 💳 retribuzione percepita nell’ultimo mese di lavoro precedente la fruizione del congedo. Nel computo della retribuzione ✔️ rientrano, a norma di legge, le voci fisse e continuative del trattamento, con ❌ esclusione, dunque, degli elementi variabili.
L’Inps con il presente messaggio conferma l’indirizzo interpretativo espresso nella 📝 circolare n. 64/2001, con la quale l’Istituto aveva a suo tempo precisato che nel calcolo dell’indennità rientra anche il 💸 rateo di tredicesima mensilità e delle altre mensilità aggiuntive, quali gratifiche, indennità, premi, ecc.
Da ultimo, si segnala che:
🔹 i periodi di congedo straordinario sono coperti da contribuzione figurativa e, pertanto, sono validi ai fini del calcolo dell’anzianità assicurativa;
🔹 i periodi di congedo straordinario non rilevano ai fini della maturazione delle ferie, della tredicesima mensilità e del TFR.

🎓 Fonte: Inps, messaggio n. 30 del 04 gennaio 2024 – D. Lgs. n. 151/2001, art. 42 🎓

Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi per mail
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?