LO SPUNTO DEL SABATO – L’OPERAZIONE DI LORDIZZAZIONE: QUANDO SI APPLICA?

30 Aprile 2022
|
Studio Necchio

💡LO SPUNTO DEL SABATO💡

I contratti collettivi possono stabilire, in capo al datore di lavoro, un #obbligo di integrazione delle indennità erogate dagli Istituti durante gli eventi di malattia, maternità ed infortunio, al fine di garantire il 👉 raggiungimento di una percentuale retributiva in tali periodi di assenza dal lavoro.
✋ Dal momento che l’indennità (INPS o INAIL) è netta ai fini previdenziali, ovvero non concorre alla formazione dell’imponibile previdenziale e al relativo calcolo dei contributi, è necessario:
📌 calcolare l’integrazione a carico dell’azienda maggiorando il valore dell’indennità a carico dell’Ente pubblico di un coefficiente, detto di #lordizzazione;
📌si evita cosi che il lavoratore percepisca una retribuzione più alta durante tali assenze rispetto al normale periodo lavorato.
📢 L’indennità erogata dall’Istituto non è infatti soggetta a contribuzione ed il periodo di assenza è coperto dai cosiddetti #contributifigurativi.
La lordizzazione è quindi l’operazione da effettuarsi per il calcolo della maggiorazione figurativa delle indennità di malattia, maternità, infortunio.
🔹 Il coefficiente si ottiene applicando la seguente formula:
100/(100 – percentuale dei contributi a carico del dipendente).
L’integrazione a carico del datore di lavoro sarà pertanto data 🧮 dalla sottrazione della retribuzione spettante al lavoratore per il periodo di assenza e l’indennità erogata degli istituti lordizzata (indennità moltiplicata per tale coefficiente).

Share on linkedin
Condividi su LinkedIn
Share on facebook
Condividi su Facebook
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on email
Condividi per mail
Share on print
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?

Vuoi ricevere aggiornamenti normativi
e partecipare ai nostri webinar?