Nuove modalità di fruizione dei buoni pasto

13 Settembre 2017
|
Studio Necchio

Circolare n. 16 del 13 settembre 2017

Il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dello Sviluppo Economico n. 122 del 7 giugno 2017 ha emanato nuove disposizioni per la fruizione dei buoni pasto, la normativa è entrata in vigore il 9 settembre 2017.

Il Decreto introduce novità in merito all’utilizzo, da parte del personale dipendente o dei collaboratori, dei buoni pasto, infatti:

  • saranno cumulabili, e dunque fruibili, fino a otto buoni pasto al giorno;
  • l’utilizzo dei buoni pasto è riconosciuto anche al personale dipendente cui rapporto non prevede nel normale orario di lavoro una pausa pranzo;

La norma non si esprime dal punto di vista fiscale per cui rimangono in vigore le disposizioni contenute all’art. 51 del Tuir, ovvero, il sostituto d’imposta non sarà soggetto a tassazione né a contribuzione previdenziale qualora fornisca al personale un buono pasto cartaceo del valore di 5.29 euro o di 7 euro se elettronico al giorno. Pertanto la norma fa riferimento al mero utilizzo dei buoni pasto da parte dei lavoratori subordinati, a tempo pieno o a tempo parziale, e collaboratori con contratto diverso dalla subordinazione. Sempre relativamente alla fruizione dei buoni pasto il Ministero precisa che gli stessi non sono cedibili, né commercializzabili o convertibili in denaro e sono utilizzabili dal solo titolare esclusivamente per l’intero valore facciale.

Al fine di un corretto utilizzo dei buoni pasto le due tipologie, cartaceo ed elettronico, devono possedere le seguenti caratteristiche:

CartaceoElettronico

–          Codice fiscale o la ragione sociale del datore di lavoro;

–          La ragione sociale e il codice fiscale della società di emissione;

–          Il valore facciale;

–          Il termine temporale di utilizzo;

–          Spazio per inserire: data di utilizzo, firma del titolare e timbro dell’esercizio convenzionato presso il quale viene usato il ticket;

–          Dicitura ‘Il buono pasto non è cedibile, né cumulabile oltre il limite di otto buoni, né commercializzabile o convertibile in denaro; può essere utilizzato solo se datato o sottoscritto dal titolare;

–          Codice fiscale o la ragione sociale del datore di lavoro;

–          La ragione sociale e il codice fiscale della società di emissione;

–          Il valore facciale;

–          Il termine temporale di utilizzo;

–          L’obbligo di inserire la data di utilizzo del ticket e i dati identificativi dell’esercizio convenzionato è ottemperato dall’associazione elettronica al buono in fase di utilizzo;

–          L’obbligo di firma del titolare nel buono pasto è assolto associandolo, in fase di registrazione, ad un numero o codice identificativo riconducibile al titolare stesso;

–          Dicitura ‘Il buono pasto non è cedibile, né cumulabile oltre il limite di otto buoni, né commercializzabile o convertibile in denaro; può essere utilizzato solo se dotato e sottoscritto dal titolare’.

Fonti: Seac, Decreto n. 122 del 7 giugno 2017, Il Sole 24 ore

 

Circolare n. 16 del 13 settembre 2017

Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi per mail
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?

Vuoi ricevere aggiornamenti normativi
e partecipare ai nostri webinar?