Nuove prestazioni occasionali sostitutive dei Voucher

27 Giugno 2017
|
Studio Necchio

Circolare n° 11  del 27 giugno 2017

È stato pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 144 del 23 giugno 2017, la Legge n. 96 del 21 giugno 2017, di conversione – con modificazioni – del Decreto Legge n. 50/2017 con le disposizioni urgenti in materia finanziaria.

La norma prevede, tra le altre cose l’introduzione della nuova disciplina sul lavoro accessorio.

I nuovi Voucher, non saranno utilizzabili almeno sino al prossimo 10 Luglio 2017, così come comunicato da parte dell’Ufficio Stampa di Palazzo Chigi.

In attesa di opportune precisazioni da parte dell’INPS e del Ministero del Lavoro, illustriamo brevemente le caratteristiche dei due nuovi strumenti, denominati:

– “PrestO”, (Prestazioni Occasionali) riservate esclusivamente al mondo delle Imprese;

– “Libretto Famiglia”, riservato invece alle Famiglie.

 

PrestO – Prestazioni Occasionali per il mondo delle Imprese

Le PrestO sono un nuovo strumento riservato a Persone Fisiche che esercitano Attività d’Impresa, Professionisti e Piccole Imprese che occupano fino a 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato.

Attenzione: Le Aziende con più di 5 lavoratori non potranno utilizzare le Prestazioni Occasionali.

Non potranno altresì fare ricorso a queste prestazioni le Aziende dell’Edilizia (compresi i settori affini) e le imprese che operano nell’ambito dell’esecuzione di Appalti di Opere o Servizi.

  • SOGGETTI RETRIBUITI: generalità dei lavoratori, con esclusione dei soggetti con i quali l’utilizzatore abbia in corso, o abbia cessato da meno di sei mesi, un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa;
  • MISURA DELLA RETRIBUZIONE: il costo per l’Impresa è di circa 12,50€ per ogni ora di lavoro, al quale corrisponde una retribuzione oraria netta di 9,00€.

Attenzione: per ogni prestazione lavorativa, viene previsto un compenso minimo di 36€, corrispondente a 4 ore lavorative.

  • PROCEDURA DA SEGUIRE:

L’utilizzatore dovrà acquistare preventivamente, attraverso un’apposita procedura INPS, le prestazioni da utilizzare. Almeno un’ora prima dell’inizio della prestazione, si dovranno comunicare i dati identificativi della prestazione: identità del lavoratore, luogo di svolgimento della prestazione, oggetto della prestazione, data e orario di inizio e fine, compenso pattuito.

L’INPS, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di svolgimento delle prestazione, provvede al pagamento del compenso al prestatore, attraverso accredito su conto corrente o ritiro presso gli uffici postali, nonché all’accredito dei contributi e al trasferimento all’INAIL dei premi assicurativi.

  • LIMITI DI UTILIZZO:
  • Ogni utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, potrà erogare compensi per un massimo di 5.000 €per ogni anno civile;
  • Ogni prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, potrà percepire compensi per un massimo di 5.000 €per ogni anno civile;
  • Ogni prestatore, con riferimento al medesimo utilizzatore, potrà percepire compensi per un massimo di 2.500 €.

Libretto Famiglia

Il libretto Famiglia è uno strumento riservato alle Persone Fisiche, non nell’esercizio di attività professionale o d’impresa ma per attività quali: piccoli lavori domestici, lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione, assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità, insegnamento privato supplementare.

  • SOGGETTI RETRIBUITIgeneralità dei lavoratori, con esclusione dei soggetti con i quali l’utilizzatore abbia in corso, o abbia cessato da meno di sei mesi, un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa.
  • MISURA DELLA RETRIBUZIONE: il costo per la famiglia è di 12€ per ogni ora di lavoro, al quale corrisponde una retribuzione oraria netta di 10,00€.
  • PROCEDURA DA SEGUIRE:

L’utilizzatore dovrà acquistare preventivamente, attraverso un’apposita procedura INPS, un libretto nominativo.

Almeno un’ora prima dell’inizio della prestazione, si dovranno comunicare i dati identificativi della prestazione: identità del lavoratore, luogo di svolgimento della prestazione, oggetto della prestazione, data e orario di inizio e fine, compenso pattuito.

L’INPS, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di svolgimento delle prestazione, provvede al pagamento del compenso al prestatore, attraverso accredito su conto corrente o ritiro presso gli uffici postali, nonché all’accredito dei contributi e al trasferimento all’INAIL dei premi assicurativi

Entro il terzo giorno del mese successivo a quello di svolgimento della prestazione, la persona fisica comunicherà all’INPS i dati riepilogativi della prestazione svolta.

  • LIMITI DI UTILIZZO:
    • Ogni utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, potrà erogare compensi per un massimo di 5.000 € per ogni anno civile;
    • Ogni prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, potrà percepire compensi per un massimo di 5.000 € per ogni anno civile;
    • Ogni prestatore, con riferimento al medesimo utilizzatore, potrà percepire compensi per un massimo di 2.500 €.

Per ulteriori aggiornamenti si attende la Circolare INPS esplicativa in merito alle modalità di fruizione dei nuovi Voucher.

Fonte: Legge n. 96 del 21 giugno 2017.

 

Circolare n. 11 del 27 giugno 2017

Condividi su LinkedIn
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi per mail
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?

Vuoi ricevere aggiornamenti normativi
e partecipare ai nostri webinar?