LO SPUNTO DEL SABATO – SCATTI DI ANZIANITA’: COSA SONO?

23 Aprile 2022
|
Studio Necchio

💡LO SPUNTO DEL SABATO💡

In favore dei lavoratori dipendenti, sono previsti #aumentiperiodici della retribuzione in relazione all’#anzianità di servizio.
I CCNL stabiliscono generalmente la maturazione di 👉 uno scatto di anzianità ogni due/tre anni dalla data di assunzione, fino al raggiungimento di un numero massimo (da un minimo di 5 ad un massimo di 12).
Gli scatti di anzianità possono essere determinati:
✅ in cifra fissa;
✅ in percentuale rispetto al minimo contrattuale.
I CCNL possono prevedere il ricalcolo degli stessi 💹 a seguito dell’aumento dei minimi retributivi e/o del passaggio di categoria.
Relativamente ai lavoratori 👥 assunti con contratto di lavoro part-time, tali lavoratori maturano gli scatti di anzianità alla stregua degli altri dipendenti assunti a tempo pieno. Non è richiesto un periodo di maturazione maggiore rispetto a quello previsto per i lavoratori a tempo pieno ma l’importo sarà 📊 riproporzionato alla ridotta entità della prestazione lavorativa.
📌 Gli scatti maturano durante le assenze dal lavoro e sono da computarsi nell’anzianità di servizio, ai fini della maturazione stessa, anche i periodi svolti con apprendistato.
L’importo erogato per effetto dell’anzianità di servizio concorre alla formazione della base imponibile per il calcolo dei contributi di assistenza e previdenza sociale e risulta altresì imponibile ai fini fiscali.
✋ Gli scatti concorrono anche alla determinazione della #retribuzioneutile per il calcolo del TFR.

Share on linkedin
Condividi su LinkedIn
Share on facebook
Condividi su Facebook
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on email
Condividi per mail
Share on print
Stampa

Vuoi maggiori informazioni?

Vuoi ricevere aggiornamenti normativi
e partecipare ai nostri webinar?